Domanda:
Cosa ci dicono i dati geochimici sulle prime condizioni paleoclimatiche della Terra?
user889
2014-12-18 10:21:29 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Dato che l'età dei campioni di zirconi più antichi ha circa 4,4 miliardi di anni, e meteoriti e altri campioni extraterrestri possono anche darci qualche indicazione sulla composizione della Terra nell'era Adea (fonte: Zircon Chronology: Dating the Il materiale più antico della Terra.

Molte risorse si riferiscono alla prima atmosfera come (ad esempio):

Come risultato delle alte temperature al centro della Terra e, a causa dell'attività vulcanica, la crosta emette gas alogeni, ammoniaca, idrogeno, anidride carbonica, metano, vapore acqueo e altri gas. Nei successivi 100 milioni di anni, questi gas si sono accumulati per formare l'atmosfera primordiale. Questa atmosfera era abbastanza simile all'atmosfera di Titano, una delle lune più grandi di Saturno. Si ritiene che l'atmosfera primordiale avesse raggiunto una pressione di 250 atmosfere e sarebbe stata estremamente tossica per la vita come la conosciamo ora

Fonte: The Hadean Eon

Molti meccanici ms sono suggeriti in questa e in molte altre risorse, dagli impatti al degassamento vulcanico ecc. Ma cosa ci dicono i dati geochimici misurati sulle prime condizioni paleoclimatiche della Terra?

Questa domanda è correlata alle domande precedenti:

Ma questa domanda riguarda le prime condizioni paleoclimatiche della Terra.

L'introduzione di [Kasting & Ono (2006)] (http://rstb.royalsocietypublishing.org/content/royptb/361/1470/917.full.pdf) sembra un buon punto di partenza per rispondere a questa domanda.
Una risposta:
#1
+6
plannapus
2015-02-11 15:41:47 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La prima cosa da notare qui è che gli zirconi che hai menzionato nella tua domanda sono l'unica cosa che abbiamo risalente all'Adeano: nessuna crosta continentale o oceanica dell'Adeano è stata trovata fino ad oggi. Quindi, tutte le informazioni provengono da questi zirconi.

Cosa ci dicono?

La composizione degli elementi delle terre rare (REE) di questi zirconi (e in particolare la suddivisione in zone di detta REE all'interno del minerale) suggerisce che si siano formati in un magma derivato dalla fusione di una crosta continentale ( Wilde et al. 2001 ). La loro composizione $ \ delta ^ {18} \ mathrm {O} $ alta indica anche che il magma è stato a un certo punto in contatto con l'acqua liquida (anche Wilde et al. 2001 ): entrambi i continenti e gli oceani erano presenti nell'Adeano. La presenza di acqua liquida implica già una temperatura più fresca di quanto si pensava in precedenza ( Valley et al. 2002 ).

Per quanto riguarda il clima per dire, la composizione del Litio (alta concentrazione, isotopi leggeri) degli zirconi ( Ushikobo et al. 2008 ) sono stati interpretati come prova di un'intensa alterazione chimica continentale. Questa alterazione potrebbe avere diverse spiegazioni, ma una possibilità ritenuta da Ushikobo et al. Il 2008 (vedi anche Sleep 2010 ) è un'atmosfera ricca di CO 2 con temperature superficiali superiori a 50 ° C.

Sleep, 2010. The Hadean-Archaean Environment. Cold Spring Harbor Perspectives in Biology, 2: a002527.
Ushikobo, Kita, Cavosie, Wilde, Rudnick & Valley, 2008. Lithium in Zirconi di Jack Hills: prove di una vasta esposizione agli agenti atmosferici della prima crosta terrestre. Earth and Planetary Science Letters, 272: 666-676.
Valley, Peck, King & Wilde, 2002. A cool early Earth. Geologia, 30: 351-354.
Wilde, Valley, Peck & Graham, 2001. Prove da zirconi detritici per l'esistenza della crosta continentale e degli oceani sulla Terra 4,4 Gyr fa. Nature, 409: 175-178.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...