Domanda:
Perché il mio martello ♦ (cioè diamante) è così resistente, ma può bruciare?
Anonymous Penguin
2014-04-17 02:11:47 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Per coloro che sono confusi sul titolo, c'è una battuta sul fatto che ogni moderatore ha un "martello di diamanti" (diamante dal piccolo accanto al nome utente). In una discussione in chat, è stato portato alla mia attenzione che un diamante può bruciare (il che ha perfettamente senso perché è carbonio puro) dopo aver ricevuto una notifica in arancione nella barra superiore di SE.

Comunque la mia domanda è perché qualcosa di così durevole può bruciare? Immagino che ci sarebbe una relazione tra infiammabilità e durata, soprattutto perché il metallo non può bruciare . * È solo una coincidenza che la maggior parte delle persone pensi intensamente == infiammabile? Perché può bruciare il diamante?

* Può bruciare se ossidato IIRC.

Non mi sorprende davvero, poiché il diamante è carbonio puro in un reticolo cristallino densamente compatto. Aggiungendo abbastanza calore rilascerai atomi di carbonio dal reticolo e quando l'ossigeno è presente si formerà CO2. Ci vorrà comunque molto calore, immagino (ecco perché questo è solo un commento, non una risposta, anche se sarei felice di farne uno se pensi che sia sufficiente).
Questa domanda sembra riguardare più la chimica dei diamanti che gli aspetti di "scienza della terra".
Sì, questo sarebbe sicuramente meglio su http://chemistry.stackexchange.com che qui, non ha niente a che fare con qualcosa di geologico, davvero. Inoltre, trovo la battuta all'inizio un po 'più distraente e confusa che divertente, ma forse sono solo io.
Questa domanda sembra essere fuori tema perché riguarda la chimica
[Discussione Meta correlata] (http://meta.earthscience.stackexchange.com/questions/66/where-is-the-boundary-between-geology-and-chemistry)
La vera domanda qui è perché qualcuno dovrebbe sprecare un diamante bruciandolo?
Le generalizzazioni rendono la tua domanda un po 'sciocca. I metalli puri sono ovunque nella scala di durezza e tenacità: l'oro è molto morbido e malleabile, l'uranio è piuttosto duro, ma comunque malleabile, il cromo è il metallo puro più duro, il sodio è debole ... e tutti hanno proprietà chimiche abbastanza diverse. L'oro è uno degli elementi più inerti ed è molto stabile. L'uranio è molto reattivo e brucia abbastanza bene, ma è ancora più reattivo ad es. acqua. Il cromo è molto reattivo, ma forma uno strato protettivo ossidato a temperatura ambiente. Il sodio brucia facilmente in acqua a temperatura ambiente.
Una risposta:
#1
+12
Doorknob
2014-04-17 02:19:15 UTC
view on stackexchange narkive permalink

È la forza del legame, non la durezza, che determina la facilità con cui l'ossigeno può attaccare e bruciare un materiale, permettendomi di bruciare un diamante in una pozza di ossigeno liquido che riposa in un blocco di grafite.

Il diamante è duro perché i suoi legami formano un reticolo tridimensionale inflessibile. Tuttavia, la forza di questi legami stessi non è nemmeno forte come la grafite, per esempio. La grafite ha legami molto più forti, ma crea "fogli" che possono scorrere, rendendo la grafite più morbida ma più difficile da bruciare.

(fonte)

In effetti, persone hanno già bruciato diamanti mettendoli in tubi di ossigeno puro.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...